Avviato il processo di modifica del PSR 2014/2020

Gentili Colleghi,

si comunica che la Direzione Generale per le politiche agricole, alimentari e forestali della Regione Campania, ha avviato il processo di modifica del PSR 2014/2020.

A tal proposito ha invitato gli ordini professionali e le organizzazioni di categoria a formulare proposte di modifica utili per migliorare l’attuale strutturazione del Programma ed il termine per la formulazione delle proposte di modifica è stato fissato al 30 settembre 2016.

Il Consiglio dell’Ordine di NAPOLI ritiene indispensabile avviare una fase di confronto con la categoria, seppure con tempi brevissimi, utile per raccogliere proposte ed indicazioni e pertanto ha fissato una riunione aperta a tutti gli interessati, per lunedì 26 settembre  2016 alle ore 14,30 presso la sede dell’Ordine di Napoli.  L’incontro è finalizzato alla redazione della proposta di modifica del PSR, da trasmettere alla Direzione Generale per le politiche agricole, alimentari e forestali della Regione Campania.

Nel caso in cui non fosse possibile partecipare, si invita ad inviare la propria  proposta di modifica in formato word all’indirizzo di posta elettronica  agronominapoli@gmail.com.

Si rammenta che, in base all’articolo 4 del Regolamento n. 808/2014 della Commissione del 17 luglio 2014 recante “modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR)”, ciascuna proposta di modifica dovrà contenere le seguenti informazioni:

a)  il tipo di modifica proposta;
b)  le ragioni e/o le difficoltà di attuazione che giustificano la modifica;
c)  gli effetti previsti della modifica.
 
Sarà poi compito del Consiglio completare la proposta di modifica indicando:
d)  l’impatto della modifica sugli indicatori;
e)  la relazione tra la modifica e l’accordo di partenariato di cui al titolo II, capo II, del regolamento (UE) n. 1303/2013.
 

Sicuri di un vostro celere riscontro, si saluta cordialmente.

Il Presidente

Pasquale Crispino