Nuovi strumenti per la gestione del rischio in agricoltura

Con nota prot. n. 2013.0099015 del 13 u.s. a firma del dirigente dott.ssa Brunella Mercadante e del referente della formazione dott. Massimiliano Stellato, la UOD 6 della Regione Campania, nel confermare l’organizzazione del seminario formativo “Nuovi strumenti per la gestione del rischio in agricoltura“, precisa che lo stesso sarà articolato in tre moduli formativi, ciascuno della durata di cinque giorni.

Il secondo modulo sarà destinato agli Ordini Professionali dei Dottori Agronomi e Forestali, ai Collegi dei Periti Agrari e degli Agrotecnici.

 

Il seminario in oggetto avrà come obiettivo di far acquisire conoscenze e competenze ai partecipanti sulla Normativa Comunitaria, Nazionale e Regionale in merito alle tipologie di rischio nel settore agricolo; sui diversi strumenti messi in campo dal PSRN (Misura 17); sul funzionamento dei consorzi di difesa e le nuove opportunità offerte dalla normativa vigente, il tutto per diffondere le conoscenze in materia di gestione del rischio in agricoltura sia per avversità atmosferiche/fitosanitarie o crisi di mercato. Inoltre, ulteriori obiettivi affrontati saranno la strategia nazionale per il sostegno alla gestione del rischio in agricoltura nel PSRN 2014/2020 (strategie per favorire l’incremento della domanda di gestione del rischio delle imprese, prodotti e strumenti innovativi, sinergie con la riassicurazione pubblica, la semplificazione amministrativa in agricoltura 2.0); i nuovi strumenti per le imprese (polizze index, fondi mutualistici e strumenti di stabilizzazione del reddito; casi studio e best practice nella gestione del rischio.

 

Tanto premesso, l’ODAF Napoli ha la facoltà di segnalare 5 nominativi di colleghi interessati a svolgere il corso di cui trattasi.

Si invitano, pertanto, i colleghi a manifestare il proprio interesse entro il 5 marzo p.v., inviando una email all’indirizzo agronominapoli@gmail.com, al fine di poterli accreditare per il seminario che presumibilmente inizierà nella seconda decade di marzo. Ogni giornata formativa avrà la durata di 3 ore circa.